MMD F/W 18/19 - Il viaggio onirico dall’Italia alla Cina di Shanghai Tang

La collezione F/W 18/19 di Shanghai Tang è un viaggio onirico dall’Italia alla Cina; un filo di seta teso fra Oriente e Occidente, vero ponte gettato tra l’Europa e le lontane terre dell’Impero del Dragone sulle tracce della memoria di due culture millenarie.

Un drappello di dignitari della dinastia Tang indossa sopravvesti ornate di borchie chiodate, Leit Motiv di collezione in un viaggio immaginario che prende vita da forme pure, essenziali, pulite, per arricchirsi di broderies che mimano broccati e damaschi, incontrando lineari stilemi mandarini.

Abiti stampati impaginati da severi plissées, scanditi da ranghi di minuscoli studs si alternano a gonne a pieghe si aprono svelando misteriosi effetti trompe-l'oeil in trasparenza.

L’animalier dei dipinti Ming si esplicita in dettagli di bordi, di orlature e manopole, citando la mitica pelliccia del Leopardo delle nevi e quei ghepardi domestici che accompagnavano gli aristocratici nelle battute di caccia a cavallo.

Tessuto su tessuto, intarsi di geometrie, vuoti su pieni. La tipica veste mandarina ispira cappotti neri, a bulbo, dai colli stondati appena accennati, con inserti maculati sulle tasche.

E ancora, cappotti animalier in antitesi con vividi interni ametista lasciano il passo a giacche dal collo in piedi e manica intera, su pantaloni con ricamo a filo effetto brocade che diventano la nuova uniforme del lusso.