COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY
ECONOMIA
Roberto Cavalli divorzia da Peter Dundas e annuncia un duro piano di riorganizzazione aziendale

Parte dalla direzione creativa con l'addio a Peter Dundas, per proseguire con la riduzione di circa 200 dipendenti e con lo spostamento di tutte le attività ad Osmannoro (FI) il piano di riorganizzazione aziendale attraverso il quale Gian Giacomo Ferraris intende riportare la Roberto Cavalli alla redditività nel 2018

 

Si chiude, dopo sole tre stagioni, il percorso di Peter Dundas, stilista norvegese classe 1969, in Roberto Cavalli. Il divorzio tra l'azienda fiorentina ed il suo direttore creativo è stato annunciato oggi contestualmente ad un rigoroso piano di riorganizzazione aziendale.

 

In seguito ad un incontro con le organizzazioni sindacali è stato, infatti, annunciato un progetto di ristrutturazione finalizzato al ritorno alla redditività a livello operativo della Società nel 2018.

 

La riorganizzazione prevede a livello occupazionale una riduzione dell’organico a livello mondo di circa 200 dei 672 dipendenti complessivi e a livello organizzativo la semplificazione dell’assetto aziendale e la chiusura della sede e dell’ufficio stile di Milano, con il trasferimento di tutte le funzioni a Osmannoro (Firenze).

 

E' prevista, inoltre, la razionalizzazione della produzione, della logistica e della rete retail, attraverso una serie di chiusure e/o ricollocazione di alcuni negozi.

 

“L’industria della moda sta attraversando tempi difficili, dettati da una significativa contrazione dei consumi in diversi mercati chiave e da una sostanziale trasformazione delle dinamiche del settore – ha dichiarato Gian Giacomo Ferraris, Amministratore Delegato del Gruppo Roberto Cavalli -. In questo contesto, solo i marchi iconici, con un modello di business coerente ed un'organizzazione efficiente saranno in grado di sopravvivere. Dopo la mia iniziale analisi del Gruppo, credo che Cavalli abbia tutto ciò che serve per avere successo, ma i costi della Società devono essere in linea con i ricavi e questo è l’obiettivo che intendiamo raggiungere”.

 

Per quanto concerne la direzione creativa durante il periodo di transizione e trasformazione le collezioni saranno disegnate dal team stilistico. “A nome di Roberto Cavalli e dei suoi azionisti – dichiara Ferraris - ringrazio Peter Dundas per il suo contributo al marchio augurandogli il meglio per il suo futuro. La nomina del nuovo direttore creativo sarà annunciata a tempo debito”.

 

Parole a cui fanno eco quelle del designer che così si congeda dall'azienda: "Desidero ringraziare Roberto Cavalli e tutto il Gruppo per questa preziosa esperienza e auguro loro un percorso futuro di successo. Sono particolarmente grato agli ateliers e al team che hanno condiviso con me questa avventura”.

 

Cristina Mello-Grand
Wednesday, October 12, 2016