COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY
ECONOMIA
Milano lancia, in partnership con il Ministero dello Sviluppo Economico, l'Expo del bello

Dalle parole ai fatti. Milano lancia la sua sfida alle altre capitali della moda internazionali forte del supporto del Ministero dello Sviluppo Economico che ha appena siglato un protocollo d’intesa destinato a promuovere e sviluppare il sistema moda italiano nel mondo

 

E' stato firmato ieri, in seguito alla riunione del Comitato Moda, svoltasi al Ministero dello Sviluppo Economico sotto la presidenza del sottosegretario Ivan Scalfarotto e la presenza, fra gli altri, dell’Agenzia ICE e del Comune di Milano, un protocollo d’intesa destinato a promuovere e sviluppare il sistema moda italiano nel mondo sottoscritto dalle più importanti realtà associative ed imprenditoriali del settore.

 

L’obiettivo è quello di imprimere una decisa accelerazione all’internazionalizzazione del segmento, tale da permettergli di esprimere ancor meglio e più compiutamente le sue immense potenzialità. Per fare questo si vuole rendere Milano, a partire dal prossimo settembre 2017, in occasione delle Settimane della Moda donna, il place to be per tutti gli operatori del settore nel mondo. Un impegno che prevede la contemporanea presenza in quel periodo nel capoluogo lombardo di tutte le rassegne fieristiche e mercati o di showcase per quei segmenti della filiera che svolgono le loro rassegne in sedi diverse da Milano o in altri periodi dell’anno, così da mostrare per intero ed in modo compiuto la ricca ed articolata realtà di cui disponiamo.

“Un passo senza precedenti — lo ha definito il sottosegretario Ivan Scalfarotto — per il lavoro comune di una grande e articolata realtà produttiva che è anche un potente fattore identitario dell’Italia nel mondo”.

 

Il settore moda allargato rappresenta, infatti, il 14% dell’export italiano ed è cresciuto del 3% nel corso del 2015. “L’Italia è l’unico Paese al mondo a ospitare la filiera nel suo insieme, dal filato ai tessuti, dalle confezioni all’accessorio. - prosegue Scalfarotto -. Un’imponente sintesi di talento creativo, eredità e memoria, innovazione e positiva contaminazione. Eccellenze e primati di cui siamo orgogliosi e che dobbiamo valorizzare, rendendo Milano il crocevia di una convergenza creativa senza eguali. Lavoriamo, seguendo le direttrici indicate dal Governo e dal presidente Renzi, ed in stretto rapporto con gli Enti Locali e le imprese per realizzare un vero e proprio Expo del bello e ben fatto, che dal settembre 2017 avrà luogo due volte l’anno a Milano”.

 

Il protocollo sottoscritto prevede da un lato un deciso potenziamento del sistema sfilate concentrato soprattutto sulle settimane di moda femminile di settembre e febbraio e dall'altro il ben più complesso coordinamento e razionalizzazione dell'intero polo fieristico del settore già annunciato dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda in occasione dell'ultima edizione di Pitti Uomo. Fondamentale per il successo del progetto è il coinvolgimento attivo delle istituzioni e degli enti interessati alla promozione di Milano, a partire dal Comune.

 

“Il nostro obiettivo è quello di riempire il palinsesto di Milano ragionando in maniera chiara e decisa su settimane specifiche capaci di attirare nella nostra città il gotha degli operatori dei vari settori – dichiara Giuseppe Sala, Sindaco di Milano -. La mia richiesta specifica al mondo della moda è quella di essere più aperta verso la città e dal nostro lato metteremo a disposizione del sistema tutto ciò che una metropoli come Milano può offrire”.

 

Per seguire al meglio il percorso che porterà alle iniziative di Settembre 2017 il Ministero dello Sviluppo Economico ha inserito nella sua squadra, in qualità di advisor per le attività ed i progetti relativi al Sistema Moda, Marco Nardella Romagnoli manager con una esperienza ventennale nel marketing e nella comunicazione istituzionale dei principali gruppi del fashion italiano.

 

Cristina Mello-Grand
Thursday, October 13, 2016